Ultime notizie

Buoni spesa: come sono stati assegnati, in quali negozi? Chi controlla??

Sono queste le domande principali che i consiglieri comunali di Grugliasco Democratica hanno rivolto agli amministratori cittadini con due interrogazioni presentate il 29 aprile (leggi prima e leggi seconda). Il Comune di Grugliasco, infatti ha ricevuto dal Governo 199.000 euro per i buoni spesa  necessaria  fronteggiare le crisi personali e famigliari più difficili. Il Comune ha stabilito di suddividere il totale in stanziamenti da 150, 250, 350 e 450 euro in rapporto ai numero dei componenti il nucleo famigliare, suddivisi in buoni spesa del valore di € 50 ciascuno.
Alcuni supermercati hanno stampato autonomamente buoni spesa - non è ancora chiaro se per loro iniziativa (incassare di più) o su sollecitazione del Comune-, per gli altri la spesa è stata fatta in negozi alimentari convenzionati. Mentre è abbastanza chiaro il quadro dei supermercati cittadini che hanno aderito, i consiglieri comunali hanno chiesto se tutti i negozi locali sono stati contattati per accettare i buoni spesa del Comune, quali hanno aderito e quali no.
Non è cosa da poco perché, se tutti o quasi avessero aderito, sul commercio locale in forte difficoltà la massa di danaro dei buoni-spesa avrebbe avuto un impatto benefico non indifferente. Vedremo la risposta.
La seconda interrogazione chiede chiarimenti sui controlli eseguiti, e su quelli in fase di esecuzione, fra i beneficiati del buono-spesa. Anche in questo caso vedremo se ci sono tanti o pochi furbetti e ne daremo conto ai nostri affezionati lettori.
Lou Ann 

Nessun commento