Ultime notizie

Acquarelax: silenzio plumbeo e la città sta senza

La vicenda della chiusura e riapertura di Acquarelax si colora ogni giorno di tonalità più cupe: adesso siamo al grigio piombo, il colore del silenzio che amministrazione comunale e "Le Serre" sembrano aver imposto alla faccenda. Con qualche collaborazione inattesa.
Ricapitolando: l'impianto è chiuso da due anni e mezzo. Con tempi biblici la società comunale "Le Serre" - familiarmente chiamata "la mangiatoia" -  ha pubblicato un bando per la riapertura e nuova gestione. Un anno e mezzo fa l'aggiudicazione all'unico partecipante, la FreeTime Management, ma passeranno altri 5 mesi prima che le parti firmino il contratto. A quel punto il nuovo gestore prende in consegna l'impianto e... si accorge che quello che era promesso nel bando è assai diverso dalla situazione reale. Chi desiderasse saperne di più, si legga l'intervista del responsabile di FreeTime, Management che bene illustra lo stato dell'impianto e l'atteggiamento della società comunale "Le Serre".
Intanto la città aspettava la riapertura dell'impianto, anche alla luce delle nuove attività che avrebbe dovuto proporre, a cominciare dalla riabilitazione e dalla cura della motricità fine nei soggetti svantaggiati. Dato che non succcedeva nulla, sei mesi fa i consiglieri di Grugliasco Democratica chiedono alla presidente della Commissione di controllo, la sig. Tarsia (M5S) di convocare le parti per sentire dalla loro viva voce come mai tutto fosse fermo e l'impianto chiuso.
La seduta della commissione risale ai primi giorni del dicembre scorso, ma mancava una componente fondamentale: il nuovo gestore. Per la verità era fisicamente presente, ma impedito a parlare e a rispondere alle eventuali domande degli altri consiglieri da una specie di "avvertimento" da parte del presidente della società comunale "Le Serre", supportato (pare) anche dallo staff comunale: c'è in corso una trattativa e non se ne può parlare. Alla faccia della trasparenza.
I consiglieri di Grugliasco Democratica tornano alla carica e richiedono una nuova seduta, questa volta con l'intervento dei nuovi gestori. Sembrava che dovesse arrivare subito dopo Natale, siamo quasi a Pasqua e nulla è ancora accaduto. L'impianto è chiuso, anche i lavori che erano partiti sono fermi, insomma tutto tace.
Cosa sta succedendo? Piacerebbe saperlo e forse sarebbe possibile se - per onestà e trasparenza - l'apposita commissione consigliare venisse convocata. Questa volta senza balle e millanterie, semplicemente chiedendo a chi ha qualcosa da eccepire di metterlo per scritto, così da risponderne in tutte le sedi dove occorresse.
LouAnn

51 commenti

Anonimo ha detto...

"Sono mamma di una piccolina e portavoce di un gruppo di mamme che da mesi attendiamo l'apertura di questo centro... e a furia di attendere si è perso un anno!! Abbiamo provato a scrivere all'assessorato di competenza,il quale mi sembra essere anche vice sindaco... ma nessuna risposta! Già questa la dice lunga sulle modalità di affrontare le problematiche della cittadinanza: chiedere è lecito, rispondere è cortesia!!!!

Anonimo ha detto...

Circa un anno fa, in occasione di una festa dell'intera struttura, ho fatto un bel giro in quello che prima era una piccola SPA. Da subito sono rimasta affascinata dal progetto che mi è stato illustrato dai responsabili e mi sono detta che avrei provato il corso della TMA, che molti fortunati non conoscono, ma chi ha dei bambini con lo spettro dell'autismo conosce molto bene. Mesi sono passati e nonostante la gentilezza che mi hanno dimostrato quelli della freetime ho dovuto rinunciare sottolineando che nonostante lo sconto economico offerto, non era nei miei mezzi recarmi nella piscina di Alpignano. Ho scritto in comune per avere dei chiarimenti, ma come sottolinea l'articolo nessuno si degna di rispondere a nessuno interessa.
Molte famiglie nella mia stessa condizione hanno fatto la stessa cosa e come me sono rimaste senza risposte........ Giustamente le prossime elezioni sono lontane e i nostri voti non sono mendicati, ma sicuramente noi non dimenticheremo.

Anonimo ha detto...

Ho frequentato Acquarelax da sempre e con il mio gruppetto di diversamente giovani, conosciamo palmo a palmo tutti i locali. Verso giugno dell'anno scorso ho avuto il piacere di incontrare una splendida ragazza, che se non sbaglio è anche un ex eccellenza del nuoto piemontese, la quale mi ha parlato di tutte le attività che avrebbero da li a poco offerto e non da poco che finalmente noi utenti avremmo avuto spogliatoi puliti non allagati e palestra senza folcloristici secchi per raccogliere l'acqua proveniente dal tetto.
Alla signorina ci siamo offerti di sottoscriverle una dichiarazioni dove elencavamo tutti i difetti presenti da sempre, ma Lei ci disse che non serviva e che l'amministrazione stava provvedendo. Dopo la riunione della commissione, alla quale ero presente, questa dichiarazione sottofirmata, da tutti noi è stata preparata e consegnata ai ragazzi, perchè le cose dette, senza avere la possibilità di rispondere sono per quello che sappiamo false e come al solito di noi anziani non interessa assolutamente nulla.
Chi è l'assessore di competenza? perchè non ci vengono date delle risposte? perchè non abbiamo il diritto di fare attività fisica nel nostro comune?

Anonimo ha detto...

Ma di cosa stiamo parlando????? chiunque sappia come vanno le cose a Grugliasco, sa benissimo che a nessuno interessava sistemare Acquarelax!!!!!!! Anni che a ogni acquazzone spuntano i secchi e non solo nella sala rossa, ma anche negli spogliatoi e nella piscina e cosa vogliamo dire delle docce???? acqua ovunque e gente che cadeva nei corridoi.
Questi della freetime chi pretendevano di essere? i risolutori delle magagne di Grugliasco?
Tutte queste cose gli sono state dette e loro, ingenuotti, "vedrete che a giugno apriremo, a settembre, a novembre .......e a dicembre doccia fredda in commissione: commissione!!!!!!!
dove erano gli ingenuotti? perchè erano tra il pubblico e non a difendersi nell'aula.
Comunque io sono costretto a portare mia figlia in C.so Sebastopoli, perchè in Rari la lista d'attesa è chilometrica e un'altra struttura che potrebbe servire a noi cittadini continua senza motivo a rimanere chiusa!!!!! il nuovo solitario dell'anno è scrivere in comune per avere delle risposte..........

Unknown ha detto...

Assurdo tutto questo persone che vogliono fare qualcosa di meraviglioso bloccati da burocrazia e disonesti

Anonimo ha detto...

Anche io sono tra i genitori che durante la festa ha chiesto informazioni e per lo meno a voce sono rimesto piacevolmente colpito dal progetto per la nuova gestione: mi hanno parlato di ambienti a misura di genitore con nuovi arredi su misura, fasciatoi, nuova illuminazione in sostituzione del "mortorio" che c'era prima, particolare attenzione al igiene, ma sopra a tutto una nuova modalità nei corsi per i più piccoli che ha affascinato sia me che mia moglie.
Purtroppo dopo innumerevoli telefonate i ragazzi mi hanno dovuto indirizzare su altre piscine perchè a malincuore non avevano date da indicarmi ed erano stanchi di prendere in giro l'utenza. Ho saputo solo dopo della convocazione di una specie di commissione di vigilanza che da quello che ho letto e saputo è stata solo una farsa e organizzata ad arte per nascondere il vergognoso disinteresse dell'amministrazione comunale.
Ho provato a scrivere all'Assessorato alle politiche sociali per avere delle semplici informazioni o per sentire un'altra campana, ma nessuno si è mai degnato di rispondere. Mi vergogno di aver dato il mio voto a questa giunta, ma certo è che mai più lo rivedranno e così tutti quelli della mia famiglia.

Anonimo ha detto...

Già il solo pensiero di costruire un "centro benessere" di quelle misere dimensioni è stato folle, ma sicuramente rientrava in qualche perverso gioco politico che mira più a esibire falsi servizi destinati a decadere dopo poco tempo. Sono una mamma di due bambine che oggi frequentano regolarmente la scuola nuoto della Rari, ma nonostante tutto, sono passata a chiedere info circa un anno fa e nel sapere che il tutto sarebbe stato rivisto e trasformato mi ha reso felice, tanto più che le mie due piccole per fargli fare piscina le ho dovute portare in Torino. Da quello che mi hanno illustrato avremmo avuto in Grugliasco una piccola struttura al servizio della famiglia a tutto tondo. Portando le mie in Rari sono passata svariate volte per vedere l'avvio delle attività, ma sempre ho trovato le stesse risposte: "stiamo in attesa che ci vengano fatte delle lavorazioni, ma non abbiamo date da comunicarvi"!!!! Scandaloso! a molti di noi è venuto spontaneo pensare che questa attività non è ben vista da qualcuno o che come al solito a nessuno dell'attuale giunta faceva comodo avere un centro di questo tipo per loro o per i propri figli.
Progetto Le Gru, incroci, progetto università ..... tutte cose belle che fanno parte del futuribile, ma delle vecchie strutture già costruite e "pagate" che potrebbero servire a NOI a nessuno frega niente.
CHIAMIAMO STRISCIA LA NOTIZIA è denunciamo questo menefreghismo....

Anonimo ha detto...

È una struttura con potenzialità, il progetto c'è ed è valido, i gestori qualificati. Cosa si sta aspettando ancora?

Anonimo ha detto...

Siamo nel Paese della burocrazia e scarico responsabilità infinite...quando qualcuno si tira su le maniche per costruire qualcosa di innovativo e funzionale c'è sempre chi mette i bastoni tra le ruote....
Che vergogna !!!!!

Anonimo ha detto...

Mi associo ai commenti precedenti. È vergognoso che i nuovi gestori non abbiano la possibilità di aprire 'sto benedetto centro, dopo aver già avviato i lavori da quasi un anno e aver creduto, con tutte le competenze in loro possesso, in un progetto validissimo e che potrebbe, ad una mamma come me che vive nei pressi della struttura, fare comodo portare lì la sua bimba. Basta! Bisogna risolvere questa situazione vergognosa!!!

Anonimo ha detto...

Ero presente il giorno che è stata convocata la commissione e vedere quei due ragazzi non poter difendersi o almeno dire la loro è stato vergognoso per me che ho anche votato questa gente.
Il mio gruppo di non più giovani dopo che la vecchia gestione ha chiuso, siamo rimaste impossibilitate da fare i nostri bei esercizi nel "nostro piccolo centro" che con palestra un colabrodo, docce pietose e sporcizia ovunque era comunque un luogo vicino casa per poter fare un po' di ginnastica, star bene e non cedere ai dolori dell'età.
I ragazzi, con noi sono stati veramente gentili tant'è che per noi hanno contattato il nostro maestro osteopata con cui si faceva lezione e lo hanno inserito nel loro gruppo di lavoro, ma nulla è servito: il nostro centro rimane chiuso e forse la motivazione va ricercata in qualche altro interesse dell'amministrazione comunale o dei suoi mercenari!!!
Come ho già fato di persona, chiedo scusa a questi ragazzi a nome dei grugliaschesi che non sono fatti così!!!

Anonimo ha detto...

Mi associo e sottolineo che è vergognoso il disinteresse di queste persone che si nascondono dietro ad una loro società fantoccio, Le Serre, e quando vengono tirate in ballo dicono solo che il problema è tecnico, non politico e che non si può creare un precedente!!!!!!
Assessora qual'è il precedente che ti interessi dei cittadini che rappresenti?????
Ci sarebbe da denunciavi e tutti noi che siamo stati lesi dal vostro disinteressato comportamento ci dovremo costituire come parte civile.
Vi paghiamo per risolvere, organizzare e governare la nostra cittadina: FATELO!

Anonimo ha detto...

Anche io, come vedo altre persone che hanno commentato, ho partecipato alla festa dell'intera struttura e anche io sono rimasta colpita dal nuovo progetto di gestione che va a valorizzare una piccola ma accogliente e curata struttura per i grugliaschesi. Ora mi domando: se la struttura c'è, se le attività in programma ci sono e sono ben apprezzate dalla popolazione, che quindi tornerebbe a frequentare il luogo e se i gestori ci sono e sono anche professionalmente qualificati, cosa manca?? È proprio vero che quando qualcuno si tira su le maniche per costruire qualcosa di bello e utile, c'è sempre in mezzo la burocrazia e la gente che si mette in mezzo e rema contro. Spero che tutti questi messaggi servano a far smuovere qualcosa��

Anonimo ha detto...

Io sono passata mentre facevano i lavori e mi hanno detto di passare nella giornata della la festa, mi sembra maggio, ci son andata e mi è stato spiegato quello che si voleva fare facendomi fare un bel tour, ma appena, con massima ingenuità, mi hanno detto che aspettavano che Le Serre sistemasse alcune cose che erano emerse solo durante i lavori ho capito che non c'erano speranze e non ho avuto problemi a dire loro che il tetto perde da anni e non solo da loro, ma anche negli uffici delle altre associazioni, le docce erano, dopo le pulizie, il motivo primo di discussione con il vecchio gestore.
"Cari ragazzi in Voi hanno cercato gli allocchi: gli unici che non sapevano!!!!"
Così li salutai e mi andai a iscrivere in un'altra struttura in Torino.

Anonimo ha detto...

L'altro giorno ho incrociato uno dei responsabili a cui ho cercato di fare qualche domanda, ma prima di iniziare mi sono sentita dire: " cara signora non mi faccia domande, perchè non so proprio cosa cosa rispondere".
I gestori non rispondono, il comune è come non averlo e noi siamo senza un servizio utile: che delusione!

Anonimo ha detto...

Ma secondo voi a qualcuno interessa veramente? o meglio, conoscendo questa amministrazione e la società Le Serre, direttamente da loro manovrata, interessa qualcosa? che i nostri bambini se non trovano posto nella nostra piscina debbano andare altrove interessa a qualcuno? nei prossimi giorni cercherò di parlare con qualcuno di questa Freetime e cercherò di avere delle risposte.

Anonimo ha detto...

Non conosco i nuovi gestori e tutta la vicenda mi è nota leggendo questo sito e solo ora capisco il perché nessuno a mai risposto alle mie telefonate, ma ancora non mi è chiaro per quale motivo la vice Sindaco non risponde alle mail.
Abbiamo una bimba di 22 mesi e purtroppo siamo incappati nell'interminabile lista d'attesa della Rari e così un anno è passato inutilmente senza poter portare la piccola in piscina.
A chi dobbiamo ringraziare per questo disservizio?

Anonimo ha detto...

Siamo un gruppo di mamme che portano i loro bimbi al nido di fronte ed eravamo rimaste affascinate del progetto della freetime e perchè poco attratte dall'altra piscina più adatta a nostra avviso a bimbi più grandi. Abbiamo aspettato, aspettato e ancora aspettato e ad oggi nessuno sa nulla. Che peccato e che scomodità recarsi in Torino per trovare ciò che potremmo avere a casa nostra. Complimenti a chi sta gestendo questa vicenda!

Anonimo ha detto...

Ciao tutti, io vorrei non tanto lamentarmi, ma cercare di sensibilizzare a scrivere tutti coloro che come me cercano struttura che ci possano aiutare a dare il giusto ai nostri piccoli. Sono Giorgia e mi faccio porta voce di un gruppo di neo mamme che domandando qua e la in piscine e enti di promozione sportiva, siamo state dirottate ad un numero di telefono e cosi abbiamo conosciuto Alessia: taglio...... in un incontro fatto con una decina di persone, ci ha illustrato il loro programma e il loro modo di vedere l'approccio al nuoto per i nostri piccoli e già questo ci ha conquistato, poi la ciliegina che ci ha fatto capire con chi avevamo a che fare è stato quando velocemente ha parlato di disabilità e rieducazione in acqua. Il commento di tutte le presenti e di altre a cui abbiamo riferito è stato: "ecco la struttura a misura di famiglia che stavamo cercando!!"
Le motivazioni per il quale tutto non sia andato in porto non le conosco e non mi interessa saperle, ma quando si vede nascere un qualcosa di utile e non vederlo crescere, viene voglia di urlare!!!
Dovendo portare la mi piccola in piscina, anche su consiglio medico, opto per la Sebastopoli e dopo qualche lezione mi cade l'occhio un una maglia della Nazionale con sul il nome Regli: parlo con la mia istruttrice e questa candidamente mi di che ho conosciuto "La Regli" del nuoto piemontese: cerchio chiuso.

Anonimo ha detto...

Mi vorrei unire a mamma Giorgia e al suo gruppo sottoscrivendo che a noi che siamo alla ricerca di spazi dove intrattenerci con i nostri figli e perché no anche trovare un po' di svago per noi, non interessa la solita caccia alle streghe, che spesso non fa altro che bloccare tutto e non punire dei fantomatici colpevoli persi nella burocrazia e nello scarica barile. Noi di Grugliasco spesso sentiamo che è pensiero comune il rilancio della "Città della Conciliazione" dove ad oggi se pur valide ruotano questa o quella associazione appoggiate da qualche assessore. Ora mi chiedo, possibile che a nessuno dei nostri politici interessa avere un posto dopo i nostri piccoli possano fare della sana attività fisica? possibile che il lavoro con i diversamente abili interessi solo sotto elezioni? Io come altri ho provato a porre qualche domanda scrivendo in comune, ma probabilmente come figlia, moglie e mamma di grugliaschesi non sono degna di avere delle risposte.

Anonimo ha detto...

Sinceramente la situazione nn ha proprio senso, speriamo si arrivi quanto prima a una soluzione !!!

Anonimo ha detto...

Sono una mamma di Collegno, che tramite passa parola sono stata anche io indirizzata verso questo centro che almeno alle apparenze avrebbe aperto in questa stagione a pieno ritmo. Belli i progetti, bella la struttura i gestori largamente referenziati nel loro ambiente insomma tutte le carte erano in regola per avere anche noi della periferia una piccola bomboniera da farci invidiare. Sono passati mesi in cui ci siamo sentiti telefonicamente e tramite social, ma nulla è cambiato. Anche io, come molti, mi sono permessa di scrivere e come tutti qui, non ho avuto nessun accenno di risposta e questo non è educato.
Alla classe politica: cosa ci state a fare se non vi interessa nulla di quello che serve a noi? vi interessano solo le opere faraoniche tipo Le Gru? i voti si prendono e si perdono stando a contatto con le nostre esigenze.

Anonimo ha detto...

Per quale motivo una nostra piscinetta e palestra non si riesce a farla riaprire?
A quelli di prima gli avete fatto fare qualunque cosa, facevamo ginnastica tra non troppa pulizia e secchi per raccogliere l'acqua proveniente dal tetto. Gli spogliatoi, con armadietti metallici, sedie rotte, muri e porte scrostate e docce che urlavano pietà ........
Era aperto, facevamo ginnastica, non ci serviva l'auto per andarci: era la nostra struttura!!!! Perché non li fate aprire? Quante altre bugie dovete raccontare per nascondere che non vi meritate il lauto stipendio che VI elargiamo per avere solo disservizi?

Anonimo ha detto...

Chi fa una scommessa che se la piscina fosse stata sotto un TENDONE si sarebbe già trovata una soluzione?

Anonimo ha detto...

Passiamo tutti da questi ragazzi e uniamoci per dargli una mano.
Chiamiamo i giornali e denunciamo questo modo di fare.

Anonimo ha detto...

Ma Le Serre quali interessi nasconde? cosa stanno amministrando? cosa significa che il comune è jl socio unico? sono loro che li manovrano? uno nasconde l'altro?

Anonimo ha detto...

Penso solo che tutta questa storia sia solo vergognosa, burocraticamente vergognosa, dove sotto gli occhi di tutti si sta compiendo un brutale atto di forza da parte di una manovrata del comune, per nascondere lo sperpero dei quattrini pubblici.

Anonimo ha detto...

Sono una vecchia conoscenza per l'ex centro benessere e come tutte le mie socie conosco vita morte e miracoli di quella struttura. Quando ho visto i nuovi gestori con tanto sudore e voglia adoperarsi per riuscire a mettere in condizioni degne tutti i locali per arrivare al giorno della festa generale, mi si è aperto il cuore e la speranza di poter riusufruire di questa piccola realtà. Il giorno della festa quando mi è capitato di sentire che erano insorti problemi tecnici non noti, ho capito che era la solita farsa di quattro marionette e burocrati: problemi tecnici non noti????? Tutti sapevamo e sapevano che il centro benessere aveva dei problemi e molti di noi già da tempo lo segnalarono.
fin dall'inaugurazione le docce si sono sempre allagate e così gli spogliatoi,
il tetto un colabrodo sia in palestra che negli spogliatoi, ma anche negli altri locali,
per farsi una doccia si sprecava acqua a secchiate e poi non parliamo di muri e porte!!!!!!
Ora ci vengono a raccontare che sono tutte cose nuove???? chiedete a noi come stavano le cose, ma sicuramente non conviene: VERGOGNA, io alle GRU se non mi accompagnano non posso andarci

Anonimo ha detto...

Ma dove sono i nostri cari politici in tutto questo?

Anonimo ha detto...

Ma vuoi vedere che il vecchio gestore forse forse non ha tutte le colpe per la poca oculata gestione? Ok, la gestione un po' allegra e l'ambizione di competere con le "Terme di Torino" e la scarsa capacità di gestire le attività, ma se il centro già era un colabrodo, questo poveraccio come faceva a stare in piedi? Immaginatevi se questo passasse da accusato a accusatore!!!!!!

Anonimo ha detto...

Oggi parlando che delle "colleghe" mamme si è pensato di cercare questi ragazzi della FreeTime e convincerli a fare una riunione con tutti gli interessati chiedendo aiuto a tutte le forze politiche che vogliano darci una mano e denunciare questo "bullismo" che sta ottemperando questa pseudo società di servizi, Le Serre, e continuare a far sentire la nostra voce con volantinaggio e articoli sui giornali. Iniziamo cercando di capire questa nostra pseudo amministrazione che appoggerà alle regionali e boicottiamo il loro candidato così iniziamo a scalzare questa vergognosa egemonia: mi vergogno per averli votati!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Il gruppo di di mia mamma era piuttosto corposo e tutte si stanno lamentando di questa surreale situazione. Il giorno della commissione farsa indetta dal comune lei era presente e si è vergognata nel vedere gli accusatori che con tanta boriosità ne hanno dette peste e corna contro dei ragazzi che non hanno neanche potuto difendersi: commissione? inquisizione! dice e dicono tutte.
Non ho problemi a credere a mia mamma ed è per questo che ho deciso di unirmi a questo grido di vergogna della cittadinanza di Grugliasco!

Anonimo ha detto...

E' schifosamente vergognoso che una società pagata da noi cittadini faccia il bello e il cattivo tempo: ma non ci dovrebbe essere un assessorato che vigili sul loro operato? o il loro operato è dettato da un assessore?

Anonimo ha detto...

È un peccato che una struttura che offre servizi complementari a quelli delle piscine limitrofe non possa aprire. Mi auguro che si giunga presto a una soluzione: l'apertura della struttura soddisferebbe le richieste degli abitanti della zona e arricchirebbe notevolmente l'offerta di servizi del territorio.

Anonimo ha detto...

Che si porti il caso in tribunale e che a risponderne in prima persona, anche pecuniariente, in caso di malagestione del comune siano gli amministratori del comune stesso. E ora che chi si propone di gestire la cosa pubblica lo faccia con responsabilita e trasparenza. E si faccia carico, lui stesso, degli oneri nn solo degli onori. Facile poi scaricare sul cittadino le varie ed eventuali derivanti da un comportamento poco trasparente per non dire di peggio.

Anonimo ha detto...

La cosa vergognosa è questi elementi non hanno neanche paura delle denunce e del tribunale e per chi ha seguito anche a grandi linee la vicenda, sa che sia i politici che questa fantomatica società di gestione hanno spudoratamente sempre mentito a tutta la cittadinanza, prima nel dire che avevano a cuore la riapertura del centro e poi che stavano facendo di tutto per risolvere la situazione di stallo: LA VERITA' E' CHE DI NOI CITTADINI SE NE FREGANO.
Se tra i lettori esiste qualche giornalista lo invitiamo a cercare questi ragazzi, prima che abbandonino il progetto e li esorti a denunciare quanto stanno subendo!!!!!

Anonimo ha detto...

Concordo, se tra i lettori ci fosse qualche giornalista o qualcuno che ne conoscesse qualcuno lo convinca a prendersi a cuore questa situazione vergognosa che si sta consumando sotto gli occhi di tutti e per di più da una società, Le Serre, che vive con i nostri soldi e di fatto è solo al soldo della vergognosa giunta capeggiata dal nostro sindaco che le uniche cose che sa fare sono solo proclami di progetti fasulli o di progetti che celano altri disservizi, e concordo con tutti nel GRIDARE, che se ne fregano di chiunque di noi.
MI VERGOGNO PER AVERLI VOTATI, MA LI SI ASPETTERA' TUTTI ALLA SCADENZA DEL MANDATO E SPERIAMO CHE TUTTO VADA IN MANO ALLA MAGISTRATURA

Anonimo ha detto...

Da questa mattina mattina con mariti e amiche del gruppo della ginnastica dolce stiamo cercando disperatamente la modalità per metterci in contatto con i gestori, che francamente incrociavo spesso durante la passeggiatina con il mio cagnetto.
Li si cerca per convincerli a non mollare e a indire una sorta di protesta pubblica che porti allo scoperto questi soggetti, dove noi cercheremo l'appoggio di tutte le persone che conosciamo.
AIUTATECI NEL NOSTRO TAM TAM anche se non siamo i gilet gialli, siamo cittadini che con dei diritti e non è giusto che quattro politici da quattro soldi con i loro mercenari ci prendano per i fondelli

Anonimo ha detto...

scusate ma tutti questi salvatori della Patria di 5 stelle e Lega dove sono? non interessa a nessuno capire che loschi traffici sta facendo questa amministrazione????
Svegliatevi, si stanno avvicinando sia le regionali che le europee e magari i cittadini si renderanno conto che gli interessi dei nostri politici non siamo noi cittadini, ma solo i loro protetti e la loro "faccia" (lato B).

Anonimo ha detto...

Qualche giorno fa durante una manifestazione tenuta nel parco delle Serre ho avuto modo di incontrare alcune dei nostri eminenti politici che alla domanda di cosa stesse succedendo in questa struttura, con enorme faccia tosta, hanno risposto che se ne stanno occupando: peccato che la domanda richiamava Freetime Lab e fino a quando non ho parlato di Acquarelax, struttura ormai chiusa e penso fallita, non sapevano neanche di cosa si stesse parlano.
Cara giunta Montà il vostro primario impegno è prenderci per i fondelli e pagate con i nostri soldi dei mercenari per fare il lavoro sporco.
VERGOGNA

Anonimo ha detto...

L'altro giorno mi sono trovata al bar della piscina di Alpignano e sono venuta a conoscenza di questa vicenda vergognosa che si sta perpetrando anche a discapito dei più deboli.
Questo gruppetto di genitori si lamentavano della scomodità per raggiungere Alpignano ed anche per l'ambiente che non è prettamente idoneo per lavorare con i loro figli autistici e cit: "a Grugliasco ci sarebbe una struttura che da più di un anno deve aprire, ma per colpa del comune e di qualche altro scagnozzo, non si riesce ..... siamo stanchi e come al solito abbandonati".
Mi sono permessa di chiedere spiegazioni e mi sono letta tutti gli articoli a riguardo e nonostante sia politicamente lontana da gruppo di Grugliasco Democratica, devo dargli atto che questa è una battaglia civica e non politica e quando un politico, di qualsiasi sia il suo schieramento si comporta in questo modo va denunciato con tutta la forza possibile.
Sono di Torino e non di Grugliasco, ma cercherò di fare di tutto per denunciare questo schifo.....

Anonimo ha detto...

Sono della circoscrizione 8 o meglio 8/9 di Torino e anche io ho sentito parlare di questo centro che avrebbe dovuto aprire a Grugliasco e con alcuni conoscenti non ne vedevamo l'ora, ma dopo tutto quello che ho letto e saputo, ne abbiamo dedotto che a tutti questi politici piace solo apparire in foto, bei progetti raccontare fandonie e poi quando c'è realmente di scendere nel vivo del sociale, schierano i loro più infimi soldati per non fare nulla.
Vergogniamoci tutti per non avere abbastanza forza per evitare di mettere a capo dei nostri comuni gente cattiva e menefreghista: quanti voti possono portare a casa da qualche famiglia con dei problemi??????

Anonimo ha detto...

Un amica mi ha segnalato questo blog e francamente non riesco a credere a tutta questa indifferenza e cattiveria da gente che si vantano di essere i nostri leader e invece continuano a fregarsene alle spalle di chiunque: sono anche io della circoscrizione 8/9 di Torino e sicuramente anche se non sono di Grugliasco da domani inizierò a parlare di questa vergogna con tutti i genitori fuori da scuola e in ditta da me!!!!
Questa cosa deve venire a galla.

Anonimo ha detto...

Io sono di Collegno e come le altre ho seguito e sentito la vergognosa vicenda e come il Comune si stia nascondendo alle spalle di una società creata a doc per nascondere, celare e spendere i nostri soldi solo dove vogliono loro e mai per qualcosa che serva e non parlo del progetto perchè non posso giudicarlo, non è mai partito, ma della struttura che ho frequentato già qualche anno fa e già allora faceva paura: il web è pieno di commenti negativi e non tutti davano la colpa al vecchio gestore.
Caro sindaco Casciano di Collegno, che tanto vai a braccetto con il tuo collega di Grugliasco, forse è il caso che predi le distanze perché "chi va con lo zoppo, impara a zoppicare in fretta, se già non lo fa!"

Anonimo ha detto...

Una mia amica mi ha indicato questo blog e ho "perso" qualche minuto a leggermi anche i vecchi articoli, e mi sono letta anche quella riferiti alla chiusura precedente e sparizione con il "malloppo".
1) è evidente che prima c'era pochissimo controllo da parte di questi mercenari delle Serre,
2) è evidente che all'amministrazione comunale non interessava riaprirla, ma solo far vedere l'intenzione per fare la bella faccia con i suoi cittadini,
3) è evidente che all'attuale amministrazione pubblica non frega nulla di questa piccola struttura e non frega nulla che sta tenendo fermo un progetto socialmente utile,
4) è evidente, e lo dico da legale, che a questo punto l'amministrazione comunale, per colpe evidentemente addossabili a questi delle Serre, si ritroveranno una bega legale che gli scoppierà tra le mani di non facile risoluzione......
Ci sarebbero altri punti, ma tutti cavalcherebbero la stessa cosa quindi, mi limiterò a seguire e segnalare questa incapacità di amministrare il bene pubblico anche quando questo è affidato ad amministratori pseudo privati e magari assunti per amicizia e non per meriti.
Sarebbe bello conoscere il curriculum di questi dirigenti, e cercherò di informarmi!!!!
Alla prossima Alessandra della circoscrizione 8/9

Anonimo ha detto...

E' una vergogna!!!!!! Sono una neo mamma della circoscrizione 8/9 e sicuramente ai Vostri politici non interessa nulla di me o di noi, ma ci tenevo a sottolineare quanto si debbano vergognare.
Ero ancora in attesa della mia piccola e cercando future attività acquatiche da farle fare, sono incappata nella struttura di Grugliasco e semplicemente perchè in Torino chi ha questo tipo di strutture sono solo 2, quindi mi bastava solo scegliere, location e progetto per me più valido: il Vostro di Grugliasco ha vinto a mani basse perchè una vera bomboniera e il progetto non nasce dal niente, ma da una ragazza che in qualunque piscina vai nel Torinese è conosciuta.
Ho fatto in tempo a partorire, fare un'estenuante ricerca del contatto dei gestori, per poi sentirmi dire che nulla si è mosso da mesi e mesi.
E' indegno come si venga trattati da questa gente che oltretutto dimentica spesso che sono pagati da noi e non pagano mai dei loro sbagli: DENUNCIARLI SUBITO E NON SOLO QUESTI FANTOMATICI FANTOCCI BUROCRATI, MA ANCHE CHI TIRA LE FILA!!!!!!!

Anonimo ha detto...

IO sono una neo mamma da pochissimi giorni e parlando con alcune operatrici al Sant'Anna, ho sentito parlare di questa struttura, ma francamente non mi aspettavo una così triste storie a due passi da casa mia e sono di Collegno.
Ho letto che il Vostro Sindaco va d'accordo con il nostro, ma spero solo per cortese vicinanza, perchè almeno da quello che mi risulta Casciano, non è tipo che si nasconde dietro a delle marionette, che oserei dire a naso non sono neanche genitori e quindi ignorano le nostre problematiche comunque, visto che ho una grossa stima per il MIO Sindaco, chiedo a lui: per quale strano motivo i nostri figli e noi di conseguenza non possiamo usufruire di una struttura a doc? Casciano non è da costruire o da costruirla a Collegno, è già costruita e pagata con soldi pubblici. Spero che legga questo post, e che dimostri al suo collega che metterci la faccia può anche pagare!!!!
Da domani spingerò tutti quelli che conosco a farsi sentire!!!!

Anonimo ha detto...

Oggi sono passata per cercare qualcuno dei gestori per scambiare 4 chiacchiere e non trovandoli ho lasciato una lista con circa una cinquantina di numeri in casella di gente pronta a sottoscrivere una protesta contro questa nostra amministrazione così fallimentare.
Una domanda ma Voi di Grugliasco Democratica non riuscite a fare nulla per denunciare questo sopruso che stanno facendo sotto gli occhi di tutti e a discapito della cittadinanza? gli altri dell'opposizione? a nessuno interessa? la fantomatica commissione si riunisce quando ha tempo e poi per far cosa?

Anonimo ha detto...

Oggi sono passata per cercare qualcuno dei gestori per scambiare 4 chiacchiere e non trovandoli ho lasciato una lista con circa una cinquantina di numeri in casella di gente pronta a sottoscrivere una protesta contro questa nostra amministrazione così fallimentare.
Una domanda ma Voi di Grugliasco Democratica non riuscite a fare nulla per denunciare questo sopruso che stanno facendo sotto gli occhi di tutti e a discapito della cittadinanza? gli altri dell'opposizione? a nessuno interessa? la fantomatica commissione si riunisce quando ha tempo e poi per far cosa?

Anonimo ha detto...

Anche io sono una mamma di Collegno e sono venuta a sapere di questa vicenda fuori da scuola da un'altra mamma e prendendomi il giusto tempo ho letto e riletto, gli articoli e i commenti e sono non tanto sorpresa, quanto spaventata di quanto potere abbiano questi burocrati che oltretutto sono anche pagati dalla cittadinanza: ma chi controlla l'operato di questa società Le serre? penso che tutti dovremmo prendere le distanze da questa gente senza dignità e rispetto verso nessuno se non verso i lori padroni!!!!

Anonimo ha detto...

Oggi finalmente dopo svariati tentativi, sono riuscito a incrociare uno dei gestori, che francamente non si è lasciato andare in commenti o accuse, ma promette che a giorni renderà pubblico tutta una serie di documenti e lascerà ai cittadini la facoltà di capire da che parte stare.
Gli ho accennato della commissione e con un sorriso si è limitato a dire: "Quale?? Tenuta da chi??Indetta da chi?? Chi in comune vuole ascoltare l'altra campana??
Non fatemi ridere, a nessuno interessa e non lo dico io, ma i fatti che accadono nel Vostro comune"

Mi sono vergognato di vedere questa persona che nonostante tutto quello che stanno subendo, stava tagliando l'erba di un posto che non riesce ad aprire.