Ultime notizie

Boulevard e altre brutture: risponde l'assessore

Questa la risposta che l'assessore Bianco ha inviato al sig. Droetto che lo aveva interpellato (leggi):
"Buongiorno signor Droetto, 
nel ringraziarla per la sua email piena di spunti, provo a darle qualche risposta.
La rotonda di cui parla lei, non è ultimata, stiamo lavorando per rendere omogenee le rotonde e più facilmente gestibili a livello manutentivo.
Inserire un filare di alberi nell'area a cui lei fa riferimento è veramente complicato, ad oggi stiamo gestendo scelte sbagliate fatte negli anni addietro, quando si piantavano parchi in aree ristrette proprio come quella. Dopo qualche anno gli alberi crescono e le radici sfondano il marciapiedi. E' successo su via d'acquisto, su via barberà del valles, su viale giustetti, su via galimberti e su altre vie cittadine (
ndr. le minuscole nei nomi delle vie sono dell'assessore).
Questa amministrazione sta correndo ai ripari per consentire, senza abbattere alberi, la creazione di aiuole di contenimento ed il ripristino dei marciapiedi gravemente ammalorati (
sic!)da scelte abbastanza opinabili.
Lo stesso vale per lo spiazzo di via dell'olmetto, è uno spazio ristretto dove inserire alberi e vede sarebbe stato molto complicato.
Riguardo la pista ciclabile dell'università, condivido la sua proposta e ne abbiamo già parlato col Sindaco, contestualmente all'insediamento del nuovo polo universitario, si sta lavorando per rendere più bella e vivibile tutta l'area.
Riguardo i cartelli, essendo corso Torino e Strada del Gerbido due strade al alta percorrenza, penso sia giusto utilizzare due pannelli grandi e non 2 A4 minuscoli che nessuno vedrebbe mai.
Il fatto che lei stesso li abbia notati, significa che è stato ottenuto il risultato sperato.
Saluti"

Dunque, secondo l'assessore, non si piantano alberi perché, quando crescono, mettono radici e sconnettono i marciapiedi. Nelle rotonde, neanche cespugli con radici superficiali, sennò povere amministrazioni future: che dovranno mai fare per domare piantumazioni selvagge che devastano la città? Meglio un velo di asfalto, così non se ne parla più.
Riguardo agli alberi lungo la pista ciclabile comunica che ne ha parlato col sindaco. Ah, beh, allora siamo tutti più tranquilli.
Lou Ann
Posta un commento