domenica 5 novembre 2017

Triplo salto con avvitamenti: un appalto singolare

La gestione dei Centri di Formazione Fisico-sportiva del Comune (l'insieme dei corsi  sportivi proposti alla cittadinanza) è triennale e scade giusto nell'estate del 2017. Il Comune deve procedere a una nuova gara per il prossimo triennio e riceve nel mese di luglio due manifestazioni di interesse: la prima da ASD Centro Europa 01, che ha gestito l'attività nei due trienni precedenti, e ASD Spaziomnibus, che non risulta mai aver gestito questa tipologia di attività. Dunque "nuova" del settore, ma non in città, visto che gestisce i pre/post scuola e alcuni servizi educativi di supporto.
Il primo settembre i due operatori ricevono per pec il capitolato di gara: entro le ore 12 dell'11 settembre devono presentare la loro offerta, ovviamente congruente al capitolato. Il tempo stringe, occorre partire con le attività, pubblicizzarle, raccogliere le iscrizioni, organizzare... Già il giorno dopo, il 12 settembre, è prevista la prima seduta della Commissione che dovrà valutare le offerte. In realtà la prima adunanza della Commissione verrà fatta slittare esattamente di una settimana: già, non è ancora nemmeno stata nominata. la  nomina arriva solamente il 18 settembre (leggi), fra l'altro firmata dalla dirigente ai Lavori Pubblici del Comune, anche se si tratta di sport e i dirigenti che se ne occupano sono altri.
La Commissione di gara è composta da 4 persone: due commissari esperti (trattasi di due dipendenti del settore istruzione del Comune), un segretario verbalizzante (idem) e una presidente, la Dirigente del Settore Politiche educative di Collegno (leggi CV). Costei è anche l'unica a essere retribuita - oltre allo stipendio -  con un gettone di presenza di 300 euro a seduta. Parrebbe che nella commissione sia piuttosto carente la competenza sportiva, eppure al centro della gara c'è proprio lo sport. Peraltro la valutazione della qualità dei progetti presentati (che trattano di sport) sarà proprio il discrimine che determinerà il vincitore.
Il 19 settembre la commissione si riunisce in seduta pubblica e dichiara ammissibili entrambe le offerte presentate (leggi verbale), in quanto complete di offerta tecnica (70 punti max) ed economica (30 punti max). In pratica, fatta salva la somma posta in gara, 90 mila euro per il prossimo triennio, 70 punti saranno attribuiti al progetto e 30 al ribasso proposto da ciascuno dei due contendenti utilizzando una formula che ripartisce i punti in base all'importo del ribasso stesso. A seguire, nello stesso giorno, la commissione si riunisce in seduta non pubblica per valutare l'offerta tecnica: tutti e due i concorrenti ottengono lo stesso punteggio per quanto riguarda la proposta progettuale, l'impegno ad assumere il personale e l'incremento del numero dei corsi. Solo su una voce i due differiscono: si tratta della voce "risorse proprie", qui l'ASD Spaziomnibus riceve il doppio del punteggio di ASD Centro Europa 01 perché la "proposta presenta un'offerta formativa articolata". Dunque, alla fine della valutazione tecnica (!) ASD Spaziomnibus sovrasta ASD Centro Europa 01 di 5 punti (leggi verbale) su 10.
Il giorno dopo, 20 settembre, la Commissione si riunisce di nuovo in seduta pubblica per esaminare le offerte economiche e aggiudicare la gara al vincitore. Dal verbale (leggi) si ricava che ASD Centro Europa 01 fa l'offerta migliore, proponendo un ribasso del 5,20%, mentre ADS Spaziomnibus si ferma al 2%. La commissione assegna perciò 30 punti al primo e 11,6 al secondo. Sommando i punteggi dell'offerta tecnica e quelli dell'offerta economica, vince la gara l'ASD Centro Europa 01 (95 pt, contro gli 81,7 del concorrente). Dato che il tempo stringe, il vincitore viene preallertato informalmente, così può cominciare a lavorare in attesa della formalizzazione. Solo che...
Due giorni dopo, è il 22 settembre, cambia tutto: la Commissione torna a trovarsi e corregge l'errore di calcolo che dichiara di avere commesso (leggi). Così i punteggi relativi all'offerta economica vengono modificati in 30 all'ASD Centro Europa 01 e 29,05 al concorrente. Cambia anche il totale e
perciò il vincitore della gara risulta essere è l'ASD Spaziomnibus. Disappunto della rappresentante della sconfitta e gioia del rappresentante dell'ASD Spaziomnibus, Stefano Colombi, assessore (PD) all'Istruzione del Comune fino a  cinque anni fa, poi rieletto consigliere, non confermato alla carica di assessore  e dimissionario dopo poco.
Dato che ASD Centro Europa 01 ha formulato l'offerta economica migliore, la differenza a favore del concorrente l'ha fatta il progetto tecnico. In cosa si concretizza questa differenza? il progetto ASD Spaziomnibus racconta di De Coubertin, di pedagogia da facebook, di tante questioni inerenti il benessere umano e collettivo, insomma la solita rifrittura che tanto piace agli innamorati della sociologia dell'educazione e della new age (leggi). Il progetto di ASD Centro Europa 01 risponde alle richieste del capitolato in modo tecnico, schematico, senza fronzoli e abbellimenti psicopedagogici (leggi).
L'unica cosa che l'ASD Spaziomnibus sembra offrire in più è una generica la formazione degli operatori, ma il capitolato comunale chiedeva già che gli operatori fossero formati e abilitati.
Nella sostanza e andando a rileggere il capitolato - ovvero ciò che il Comune chiedeva ai due partecipanti - non appaiono i due offrire cose così radicalmente diverse da giustificare una così evidente disparità nella valutazione. Se nella commissione ci fosse stato un esperto di sport, sarebbero stati gli stessi il giudizio qualitativo sui progetti tecnici e, di conseguenza, il verdetto finale? Mah, chissà se è finita qui.
Mariano Turigliatto