mercoledì 15 marzo 2017

Carlo Proietti: lettera aperta ai grugliaschesi

Cari concittadini,

quattro anni di attività all’opposizione in Consiglio comunale e i recenti nove mesi di lavoro guardando al futuro, hanno portato alla nascita della coalizione delle liste di Grugliasco Democratica, Ecologisti per Grugliasco e di Grugliasco in Comune.
Lavorando e progettando insieme il futuro della città, si è consolidato un gruppo di lavoro in cui sono maturate e stanno maturando le capacità per amministrare al meglio Grugliasco. Un cambio dell’amministrazione e soprattutto un cambiamento dei modi e dei criteri con cui governare la Città non è più un’eventualità, ma una concreta probabilità, che potrà realizzarsi con le elezioni amministrative del prossimo mese di giugno.

L’essere stato scelto come candidato sindaco mi da il piacere di poter lavorare con un gruppo di persone motivate, innovative e che amano Grugliasco. Per questo penso di dovermi assumere da subito una responsabilità.
Abbiamo la concreta possibilità di superare la condizione di una città in cui ci sono “figli e figliastri”, una città in cui serve essere “amico di“ e dove i cittadini sono invitati a chiedere favori e non ad esigere sacrosanti diritti. L’obiettivo di una città a misura d’uomo, di una città in cui le persone sono al centro delle scelte amministrative oggi è sicuramente praticabile.

A Grugliasco ci sono altre forze politiche, gruppi partiti e movimenti che intendono lavorare per il cambiamento. Ci sono stati numerosi confronti, altri sono in atto. La nostra coalizione continua ad essere disponibile al confronto per costruire un’unione più ampia, più colorata e più ricca di diversità. Ma accomunata da alcuni principi ed obiettivi che valgono per tutti e che costituiscono l’impegno forte a fare di Grugliasco una città giusta e attenta ai suoi cittadini, tutti.

La mia candidatura a Sindaco è una concreta offerta politica per la Città di Grugliasco. E’ una candidatura per rilanciare Grugliasco, per rimettere al centro delle scelte amministrative – voglio ribadirlo - i cittadini grugliaschesi.
Arrivo dall’esperienza delle liste civiche e non dal mondo dei partiti, quindi è normale che la mia sia una candidatura a disposizione. Se, nelle prossime settimane, riusciremo con chi vorrà a costruire un progetto più ampio di quello che finora abbiamo messo in piedi, non avrò esitazioni a fare un passo indietro, se ciò potrà favorire un’aggregazione più vasta ed un progetto più ricco. O a confermare la candi-datura, se opportuno.
Continuerò a lavorare perché prevalga, su tutti, l’interesse che abbiamo in comune: Grugliasco. Vi propongo di impegnarvi con noi a realizzarlo.

Carlo Proietti