mercoledì 27 maggio 2015

Università: da risorsa a tormento

Risultati immagini per università grugliascoGli amministratori di Grugliasco non finiscono mai davvero di stupire. Questa volta tocca all'ineffabile assessore Binda - quello che ha mirabilmente amministrato la società Le Serre mentre prendeva multe dall'Ispettorato del Lavoro e macinava passivi di affitti non pagati e di chissà cos'altro ancora, subito premiato da Montà con un posto in giunta - lasciare esterrefatti i membri della II Commissione consiliare, riunita il 21 maggio per esaminare il documento che avvia la revisione del Piano Regolatore della Città.
Nell'illustrare uno dei primi punti, quello relativo alla retrocessione di aree originariamente previste per la realizzazione del Polo scientifico, ha testualmente affermato, rivolgendosi ai commissari che chiedevano come mai, dopo tredici anni di chiacchiere, tutto sia ancora nello stato in cui l'aveva lasciato al giunta Turigliatto (il sottoscritto):
"Forse non vi siete accorti che tre anni fa i rapporti con l'Università erano ridotti al lumicino. Oggi vanno meglio grazie al paziente lavoro della giunta e degli uffici, tanto che stiamo confezionando un nuovo accordo di programma... bla bla bla". Si intende che, secondo l'assessore Binda, nel dieci anni della giunta Mazzù non hanno fatto nulla.

Per tutti i dieci anni (2002-2012) Montà è stato assessore di punta, qualche volta perfino con delega specifica; di Binda presidente di una società che il sindaco definisce oggi "La Mangiatoia", taciamo per pietà, lasciando che parlino gli esposti e le inchieste.
Adesso improvvisamente apprendiamo che avevamo avuto ragione a incalzarli (mai abbastanza!) proprio sull'Università che non decollava... e  tutti i demos cortigiani ci guardavano come menagramo, una bella fetta di Grugliaschesi anche.
Per mascherare un fallimento che costa caso all'economia cittadina, al lavoro e alle occasioni di progresso della comunità, adesso si stanno inventando un'ennesimo castello di carta che sommariamente serve a mascherare un fallimento di cui saranno chiamati a rendere conto direttamente dalla Storia. Il tutto mentre i Grugliaschesi continuano a mendicare favori e clientele, incuranti delle reiterate dimostrazioni della loro incapacità perfino a fare solo questo.

Mariano Turigliatto