lunedì 7 aprile 2014

Mamma, dove vado a scuola l'anno prossimo?


Dopo gli annunci a mezzo stampa dell'ineffabile sindaco della città (leggi), una ridda di voci e  supposizioni serpeggiano fra i genitori più informati e anche fra quelli che non lo sono granché:  mio figlio, dove andrà a scuola l'anno prossimo? C'è da fidarsi dell'amministrazione, visti gli scivoloni in materia di tempistica di esecuzione di lavori, specialmente all'Europa Unita? Che cosa hanno in programma e che cosa è meglio che faccia per garantire un percorso scolastico il meno complicato ai miei bambini?
Per capirne un po' di più ho chiesto un appuntamento all'assessora all'Istruzione, che mi ha ricevuto in settimana, insieme alla dirigente del settore e a quella dei lavori Pubblici, alla quale ho formulato le stesse domande che da tempo i genitori in panico fanno a me.
Ecco le risposte che ho ottenuto:
Scuola materna Don Milani: dismessa da questa estate in poi. Una sezione sarà trasferita alla scuola elementare Di Nanni (insieme ad altre sezioni della Rodari), le altre alla scuola elementare Ungaretti. I lavori per adeguare le due scuole elementari ai nuovi piccoli allievi saranno effettuati nel corso dell'estate (si intende quella del 2014).
Gli spazi della Di Nanni sono già disponibili adesso, quelli dell'Ungaretti lo saranno dopo che gli uffici dell'ASL (che occupano una parte dell'edificio) verranno spostati altrove. A quel punto si adegueranno i bagni e le altre strutture per trasformare le aule in spazi idonei a una scuola materna. Tutto questo in tre mesi scarsi, uno di ferie. Del destino della Don Milano non si sa, presumibilmente sarà abbattuta per costruirci un palazzo o altro edificio (così disse Montà a La Stampa).
Scuola media Europa Unita: com'è noto, li lavori avrebbero dovuto terminare un mese fa. Ora si ipotizza, con ragionevole certezza, che l'immobile sarà completato in tempo per l''inizio dell'anno scolastico 2015-16, cioè fra un anno e mezzo. A quel punto gli allievi attualmente ospitati nella Gramsci (che si chiama già Europa Unita per ragioni burocratiche) potranno essere trasferiti nella nuova Europa Unita e la Gramsci svuotata. Per farne cosa?
Scuola media Gramsci: una volta rispediti a casa gli allievi dell'Europa Unita (autunno 2015) la scuola verrà ristrutturata. Al piano terreno diventerà una scuola materna, al primo piano elementare. Per le medie gli allievi andranno nella nuova EU.
Scuola elementare Ungaretti: a quel punto sarà svuotata e destinata ad altro o demolita (non ho chiesto).

Tutto il giro dovrebbe, secondo un mio calcolo empirico, finire tra il 2019 e il 2020, dunque 5/6 anni.
In altre parole, un piccolo/a allievo/a che comincia la scuola materna quest'autunno all'Ungaretti, ci resterà anche per i primi due anni di elementari, poi passerà alla vicina Gramsci che per quel'epoca sarà stata ristrutturata. le media andrà a farle all'Europa Unita in via Cotta. Si può fare, no? Invito chi legge a fare la stessa simulazione per il piccolo treenne che va alla Di Nanni: ci resta per la materna e, se i genitori non decidono diversamente, per i cinque anni di elementari, poi alle medie in via Cotta.
Qualche problema aggiuntivo per i più grandicelli, qualche generazione finisce per trascorrere tutto il ciclo dell'obbligo scolastico in spazi aggiustati in via provvisoria...

Il disegno sembra abbastanza chiaro, gli incastri abbastanza azzardati - non sfugge che basterà un intoppo a far saltare tutto -, ma non bisogna neanche fasciarsi la testa prima di essersela rotta.
Qualche domanda però bisogna proprio farsela:
1. visto ciò che è accaduto alla ristrutturazione dell' EU, inclusi i ritardi clamorosi accumulati, quali garanzie a che il piano sia fattibile e non cada miseramente al primo ostacolo?
2. i genitori dei nuovi iscritti alla materna (ex Don Milani) sono stati adeguatamente informati, possibilmente prima dello scadere dei termini per l'iscrizione, affinché avessero tutti gli elementi per fare la scelta giusta?
3. come si sposano pedagogia (leggasi esigenze d spazi, ritmi e attrezzature) della scuola materna con l'organizzazione spaziale di una scuola elementare? Hanno gli amministratori comunali ben chiaro cosa già succede ora alla Salvo D'Acquisto in termini di convivenza elementari-materne?
4. quali sono le previsioni - una volta che i genitori degli allievi, soprattutto quelli del futuro prossimo, avranno capito il giro - circa gli organici scolastici di ogni istituto?

Un gruppo di genitori, un po' preoccupati, ci avevano chiesto di mettere a disposizione la sala consigliare per una riunione di tutti i rappresentanti delle scuole di Grugliasco. L'abbiamo fissata per lunedì 14 aprile alle 17,30. Molto opportunamente anche l'amministrazione comunale ha deciso di indire (giuarda un po'!) una riunione, per mercoledì 9 ore 18  presso la scuola Gramsci. Non so chi sia stato invitato perché, come al solito, i nostri amministratori fanno le cose aumma aumma... chi può ci vada, così avrà modo di porre le loro le domande che vuole. Poi si deciderà se mantenere l'assemblea dell'11 aprile  o annullarla per avvenuto chiarimento e soddisfatti per la discussione.

Mariano Turigliatto