mercoledì 19 dicembre 2012

BABBO TUMORE

"A Torino la stella cometa finisce sull’inceneritore: arriva Babbo Tumore"

"É accaduto domenica, quando un elicottero ha fatto arrivare sulla cima dell’inceneritore del Gerbido una cometa natalizia lunga otto metri e larga tre. L’aberrante idea è venuta a Chiesa e Comune, che hanno inserito l’evento nel programma delle manifestazioni natalizie, scatenando un vespaio di polemiche contro chi ha sdoganato quello che uno studio del politecnico di Torino ha definito un vero e proprio tumorificio".

[...]UN IMPIANTO CHE PROVOCA MALATTIE E CHE HA COSTI SANITARI ALTISSIMI Di motivi per protestare ce ne sono e sono i più importanti: i rischi per la salute che vengono fuori con la realizzazione dell’impianto. Lo studio epidemiologico è stato effettuato dal Politecnico di Torino e riporta tutte le patologie che possono nascere da una eventuale realizzazione del sito. E’ firmato dai luminari Pietro Comba e Lucia Fazzo ed è stato inviato anche a chi doveva costruire l’inceneritore.
I risultati ottenuti sono davvero spaventosi: si parla infatti di un incremento esponenziale del rischio del cancro polmonare. Soprattutto per le donne c’è un rischio di tumore per tutti i tessuti molli del corpo umano e in particolare al seno e agli apparati genitali. C’è di più: possono aumentare anche le malattie che incrementano il rischio di mortalità: tra queste il diabete e le malattie cardiovascolari.
Tenendo conto anche del incidenza della diossina aumentano anche il rischio di infarto, la tosse cronica e la bronchite cronica. Utilizzando una tecnica di calcolo basata sulla quantità di popolazione che vive vicino al Gerbido i luminari del politecnico di Torino sono riusciti a calcolare anche la spesa sanitaria che ognuna di queste patologie porta nelle tasche del sistema piemontese.
Si va dai 5 euro per la tosse passando ai 3.260 euro a persona per un infarto fino ai 169.330 euro per curare in un anno sintomi e malattia da bronchite cronica. Per curare la mortalità vanno impiegati 96.500 euro. In totale l’ammissione ospedaliera per le cure costano 1.607.000 euro. La somma di tutte le patologie che crea l’inceneritore ammontano a 113.976 euro all’anno.
Nonostante questo la società ha costruito lo stesso l’inceneritore, come si può ascoltare dal video allegato, “vantandosi di aver trovato la soluzione che aveva meno impatto sulla popolazione”.[...]

Qui di seguito l'articolo completo: leggi

--
NO INCENERITORE - SI RIFIUTI ZERO
==============================================================
Regola 5R (Riduci, Ripara, Riusa, Ricicla e Riprogettazione) verso l’obiettivo Rifiuti Zero
http://www.rifiutizerotorino.org/
SPAZIO WEB PER DOCUMENTAZIONE CATALOGATA
www.zumodrive.com/share/cQnQODQzYT
ISCRIVITI AI GRUPPI FACEBOOK: NO INCENERITORE TORINO e ARIA BENE COMUNE
www.facebook.com/groups/noinceneritoretorino?ap=1
www.facebook.com/groups/ariabenecomune?ap=1