giovedì 12 novembre 2009

Aggiornamento IVA rifiuti

Per anni abbiamo pagato l'IVA al 10% sulla T.I.A (ex TARSU) cioè la tariffa di igiene ambientale per la raccolta e smaltimento dei rifiuti.
Ora una sentenza della Corte Costituzionale (n° 238/2009), stabilisce che questo prelievo fiscale è ed è stato illegittimo in quanto la TIA non è una tariffa a tutti gli effetti, ma ancora una tassa (non si paga infatti in base alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti ma in base al numero di componenti il nucleo famigliare e la dimensione dell'alloggio) e quindi non è soggetta a IVA.

I CITTADINI GRUGLIASCHESI CHE HANNO PRESENTATO DOMANDA DI RIMBORSO SUPERANO AMPIAMENTE LA CIFRA DI 500 E ANCHE IL SINDACO E L'ASSESSORE MUSARO' HANNO AMMESSO CHE IL PIANO FINANZIARIO relativo alla T.I.A. PER IL 2010 SARA' FATTO SENZA L'IVA.

Il Governo cerca di correre ai ripari presentando un emendamento alla Commissione bilancio del Senato per reintrodurre un'addizionale (ex ECA istituita con Regio Decreto nel 1937 e poi sospesa) pari proprio al 10%!!!

Si fanno regali agli evasori fiscali e non si trovano i soldi per restituire ai cittadini quanto e' stato versato in maniera illegittima.