martedì 18 dicembre 2007

Consiglio comunale

Questa la convocazione del consiglio comunale di oggi... molti punti all'ordine del giorno sono le discussioni di proposte già presentate nell'ultimo consiglio (27 novembre).

Si riunirà martedì 18 dicembre il Consiglio Comunale di Grugliasco. La convocazione è per le 17,30 nell’aula “Sandro Pertini”, al primo piano del municipio, in piazza Matteotti 50. I lavori dell’assemblea saranno aperti dalla discussione su interrogazioni e interpellanze. Tra le pratiche iscritte all’ordine del giorno, predisposto dal presidente del Consiglio Comunale, Salvatore Fiandaca, sarà esaminato il rinnovo della convenzione per:
- l’attuazione dell’iniziativa “Pass 15, la tua città in tasca”, rivolta alle
ragazze ed ai ragazzi che compiranno quindici anni nel 2008;
- a seguire è previsto il dibattito sulla mozione presentata dal consigliere Antonio Marco D’Acri del gruppo consiliare "Di Pietro Italia dei Valori", per la “sostituzione dei pacchetti software Microsoft Office con risorse open source nelle postazioni informatiche dell’amministrazione comunale”;
- sulla mozione presentata dai consiglieri Donato Viscione e Viorel Vigna del gruppo consiliare “Alleanza Nazionale”, ad oggetto “blocco del provvedimento sull’imposizione della ZTL nei comuni al di sopra dei 20.000 abitanti”;
- sull’ordine del giorno presentato dai consiglieri Donato Viscione e Viorel Vigna (AN), su “rimborsi e sconti per i possessori dei veicoli Euro 0 ed Euro 1”;
- sull’ordine del giorno presentato dai consiglieri Giuseppe Rizzo (Ulivo), Annunziato Forgione (Moderati), Antonio Marco D’Acri (Italia dei valori) e Giuseppe Stillavato (SDI) finalizzato a promuovere l’intervento del governo affinché siano assicurate risorse necessarie relative al “pacchetto sicurezza” della legge finanziaria;
- sull’ordine del giorno presentato dai consiglieri Donato Viscione e Viorel Vigna in merito alla “pubblica sicurezza”;
- sull’ordine del giorno formulato unitariamente dai capigruppo del Consiglio ad oggetto “petizione popolare sulla tutela di soggetti deboli”.
La riunione è pubblica e tutti i cittadini interessati possono assistervi.