venerdì 21 settembre 2007

Più assessori per tutti (i partiti)

Il Consiglio Comunale di Grugliasco nella seduta del 20 settembre ha respinto la mozione presentata da “Grugliasco Democratica” che chiedeva la riduzione del numero di assessori dagli 8 attuali a 6, con una ridistribuzione ed un accorpamento delle deleghe.
Le motivazioni addotte sono state del tipo “Ben altri sono gli sprechi”, “Bisogna ridurre le spese nelle istanze superiori”, “Ne verrebbe a soffrire l’efficienza amministrativa” e così via.
L’impressione è stata di grande ipocrisia da parte della maggioranza perché era evidente che il pensiero reale dei consiglieri era immediatamente corso alla difesa di poltrone e poltroncine che qualcuno voleva sfilare loro di sotto.
Sappiamo tutti che il numero di assessori è stato determinato dalla necessità di accontentare, più o meno, tutti i partiti della coalizione: ci sembrava quindi un bel segnale da proporre ai cittadini, in un momento in cui il problema dei costi della politica tiene le prime pagine dei giornali.
Peccato! È l’ennesima occasione persa e ancora una volta parole come “trasparenza” e “servizio alla città” da parte degli amministratori sono risultate prive di significato.


Dida Neirotti